Università degli Studi di Pavia - Nucleo di Valutazione

Home

Home > Progetti > S.I.R. > FAQ

Domande frequenti

Caratteristiche e risorse del dipartimento

Unità operative e sezioni

Cosa si intende per "unità operativa"?

Per unità operativa s'intende un gruppo di ricerca cui viene riconosciuta autonomia scientifica e che utilizza spazi e/o risorse facilmente identificabili. Ricordiamo che un’unità operativa può essere anche definita come singolo docente, nel caso in cui non sia effettivamente possibile identificare dei gruppi.

Cosa si intende per "Codice dell'unità operativa"?

Se un dipartimento ha una o più unità operative si richiede di darne una codifica. Il codice che viene assegnato all’unità operativa viene scelto da chi inserisce l'informazione e deve essere un numero progressivo.

Cosa si intende per “sezione”?

La sezione è un'unità di aggregazione intermedia fra Unità operativa e Dipartimento, che è stata prevista per soddisfare le esigenze di quei Dipartimenti (appartenenti in genere all'area medica) che costituiscono un raggruppamento di vecchi istituti molto diversi fra loro e che vogliono mantenere l'originaria distinzione.

Nelle rilevazioni precedenti il nostro Dipartimento ha scelto di inserire nella voce "Unità operative" le varie sezioni del Dipartimento in considerazione delle dimensioni dello stesso. Ci chiediamo se questo sia corretto oppure se sia meglio inserire le sezioni del Dipartimento nella specifica voce "Sezioni" eliminando le stesse dalla voce "Unità Operative".

Ricordiamo che nel SIR la ripartizione in sezioni può essere usata per raggruppare due o più Unità operative all’interno del Dipartimento. Essa non costituisce quindi un’alternativa alla ripartizione in unità operative, le quali devono essere comunque compilate, in quanto costituiscono la principale unità di raggruppamento all’interno del dipartimento per quanto riguarda i finanziamenti, i contratti, i prodotti di ricerca, ecc…

Contesto didattica

N° tesi di laurea, N° tesine di D.U., N° tesi di specialità: solo le discusse o anche quelle a cui si sta lavorando?

Sono da catalogare solo quelle discusse nell'anno solare preso in considerazione.

N° tirocinanti: chi sono? Dottorandi, borsisti, studenti, laureandi?

Sono laureati/diplomati che svolgono attività formativa aggiuntiva all'interno del Dipartimento.

Non riesco a compilare alcune voci della maschera di inserimento dati, perché in alcune caselle non è possibile scrivere...

Alcune caselle non possono essere compilate semplicemente perché calcolano automaticamente la somma dei dettagli successivi, ad esempio "N.o totale insegnamenti tenuti da docenti afferenti alla struttura" è la somma degli insegnamenti dei CDL, dei CDU e così via.

Alcune voci del contesto didattica sono pari a zero, quindi ho lasciato vuoti i campi corrispondenti. Perché il sistema non mi lascia salvare i dati che ho inserito e mi dà un messaggio di errore?

Perché è previsto un controllo per evitare che le celle siano lasciate vuote per errore quando si compila la maschera. Se gli importi sono pari a zero, va inserito uno zero anche nella cella corrispondente.

Contesto servizi

Il sistema non tiene in memoria i dati inseriti nella pagina "Contesto servizi" e compare la scritta "null" in alcune delle caselle.

Finanziamenti/ spese

I dati finanziari inseriti nel SIR sono intesi per competenza o per cassa?

Si ricorda che, essendo dal 2001 i bilanci dei dipartimenti formulati in termini finanziari di competenza, e non più di cassa, il medesimo criterio va adottato anche per i dati finanziari del SIR.
Si richiede quindi l'inserimento degli importi 'accertati' per le entrate ed 'impegnati' per le uscite.

La somma dei Finanziamenti deve corrispondere al totale delle entrate del bilancio consuntivo?

SI

In "Finanziamenti per il Dipartimento" non riesco a compilare i finanziamenti per ricerca, perché non ci sono le caselle!

In "Finanziamenti per il Dipartimento" è riportato il TOTALE degli importi dei finanziamenti per ricerca, che devono essere necessariamente inseriti a livello di singola unità operativa al link "Finanziamenti per le Unità operative".

Non riesco a compilare alcune voci della maschera di inserimento dati dei "Finanziamenti per le Unità operative", perché in alcune caselle non è possibile scrivere...

Alcune caselle non possono essere compilate semplicemente perché calcolano automaticamente la somma dei dettagli successivi, ad esempio "Finanziamento da Organismi pubblici nazionali" è la somma dei finanziamenti da Ministeri, Regioni, ecc..

Alcune voci di finanziamento nel mio Dipartimento sono pari a zero, quindi ho lasciato vuoti i campi corrispondenti. Perché il sistema non mi lascia salvare i dati che ho inserito e mi dà un messaggio di errore?

Perché è previsto un controllo per evitare che le celle siano lasciate vuote per errore quando si compila la maschera. Se gli importi sono pari a zero, va inserito uno zero anche nella cella corrispondente.

Nella voce "SPESE - spese annuali della struttura per ricerca" fino all'anno scorso inserivo effettivamente quello che era stato speso per ricerca, intendendo FAR, MIUR e ricerche finanziate da altri enti; da quest'anno con il nuovo programma CIA, nel bilancio, alla voce spese per ricerca scientifica sono inserite anche le spese per Dottorato, per pubblicazioni e collane, per congressi ecc.
Quale valore bisogna mettere?

E' più corretto mettere tutto il saldo del conto F.S. 06.01 (spese per ricerca scientifica).

Il mio dipartimento ha effettuato una prestazione conto terzi per un ente pubblico. A quale voce di finanziamento deve essere attribuito?
Nei finanziamenti per ricerca, il fatturato conto terzi compare solo come dettaglio delle voci "Finanziamento da Organismi privati e Imprese nazionali" e "Finanziamento da Organismi privati e Imprese internazionali".

Le entrate derivanti da pagamenti per prestazioni conto terzi pur non essendo propriamente classificabili come entrate per ricerca, possono essere considerate come proventi derivanti da trasferimento di conoscenze all’esterno, dalle università, che le hanno
prodotte, verso tutte le strutture culturali, sociali, produttive o di servizio interessate a utilizzarle per aumentare la qualità, l’efficienza o l’efficacia dei loro processi. Queste attività sono finanziate da un committente, pubblico o privato, con obiettivi normalmente a breve termine che richiedono l’utilizzo di conoscenze già prodotte per risolvere problemi di suo prevalente interesse. Tali attività non rientrano tra i fini primari delle università e, pertanto, non debbono in alcun caso limitare lo svolgimento delle primarie funzioni didattiche e scientifiche. I proventi di queste attività, convenzionalmente denominate di ricerca "commissionata", vengono fatti coincidere con gli importi ricavati dalla vendita di beni e/o servizi di ogni Dipartimento, prescindendo dalla natura dell'ente con cui il rapporto è intercorso. L'attuale impostazione della pagina di inserimento dei dati in SIR non rispecchia fedelmente questa impostazione e provvederemo a farla modificare per il prossimo inserimento. Per quest'anno vi chiediamo di inserire gli importi derivanti da prestazioni conto terzi nella voce 'Fatturato conto terzi' anche se la natura dell'ente con cui il rapporto è intercorso è pubblica.

Patrimoni

Negli importi relativi alla Spesa annuale per attrezzature (esclusi mobili e arredi) (A1) e al Patrimonio attrezzature (esclusi mobili e arredi) (A3) vanno incluse anche le spese per le attrezzature informatiche?

Sì. Qualora fosse difficoltoso individuare il patrimonio di attrezzature informatiche acquistate prima del 2001, si consiglia di effettuare una stima.

Contratti

Cosa si intende per numero di contratto?

Ad ogni contratto deve essere assegnato un numero progressivo di identificazione che viene deciso dalla struttura stessa.

Nella cella "importo" devo indicare l'intero importo del contratto o solamente quello di competenza dell'anno di inserimento dei dati?

Deve essere indicato l'intero importo del contratto, in quanto la somma di competenza dell'anno in corso è rilevata nella pagina dei Finanziamenti.

Organico

Cosa si intende per Codici di Organico?

Come reperire facilmente il codice personale dagli elenchi collegati alla pagina?

Una volta aperto il file contenente i codici di tutto il personale è possibile individuare velocemente il codice utilizzando la funzione "Trova" di Netscape Navigator o Internet Explorer. Se si seleziona infatti la voce "Modifica", "Trova nella pagina…", apparirà una finestra in cui scrivere il cognome del dipendente da trovare, che verrà automaticamente visualizzato a video.

Dove si collocano i nomi dei ricercatori?

I ricercatori sono dipendenti dell'Università e quindi fanno parte dell'organico.

Chi fa parte dell'organico?

Fanno parte dell'organico tutte le categorie che vengono visualizzate dal menu a tendina presente nella pagina "Nuovo Personale" alla voce "Qualifica".

Cosa si intende per "Ospiti" e “Frequentatori”?

Gli "Ospiti" sono dipendenti di altri enti che collaborano con l'Università per un determinato periodo. I "Frequentatori" sono quelli che stanno invece all'interno del dipartimento per un certo tempo e che non rientrano nelle altre qualifiche.

Come si possono variare i dati inseriti relativi all'Organico del nostro Dipartimento ?

Dalla pagina “Organico” è necessario selezionare la voce: "Visualizza tutto il personale", la quale mostra tutti i componenti del dipartimento elencati in ordine alfabetico. Premendo il bottone che identifica il codice personale, si accede alla pagina dei dettagli relativi ad ogni persona appartenente al Dipartimento. Tali dettagli possono essere modificati e in seguito salvati premendo il pulsante "Aggiorna". Per inserire e/o modificare le informazioni relative ai temi di ricerca ai quali la persona collabora o alla persona di ricerca di riferimento è necessario premere il pulsante “Aggiorna/Aggiungi dettagli". Se infine si vuole modificare il codice personale è necessario prima eliminare il dipendente (pulsante "Elimina") e poi reinserirlo.

Cosa si intende per “collaboratori esterni all’Ateneo”?

La voce “collaboratori esterni all’Ateneo” è stata prevista per codificare tutti quegli autori che compaiono abitualmente nei prodotti di ricerca del dipartimento, ma non appartengono né al suo organico né a quello degli altri dipartimenti, in quanto non hanno un rapporto di collaborazione stabile con l’Università di Pavia. I collaboratori esterni all’Ateneo che sono stati inseriti potranno essere recuperati come autori nel menu a tendina “Autore Esterno all'Ateneo”, nel momento in cui si inserirà un nuovo prodotto di ricerca.

E’ obbligatorio codificare tutti gli autori esterni all’Ateneo, inserendoli fra i collaboratori esterni?

No. È possibile inserire autori non codificati come stringa di testo nel campo “Autori (non codificati/tutti)” della maschera dei dettagli del prodotto di ricerca. Questa stringa comparirà dopo tutti gli autori codificati.

Temi di ricerca

Si devono considerare esclusivamente le ricerche effettivamente finanziate o anche l'ordinaria attività di ricerca?

Sono da prendere in considerazione sia le ricerche finanziate sia quelle che non lo sono.

Nel form "Nuovo tema di ricerca" compare il campo "Tema di ricerca". E' inteso come titolo della ricerca oppure bisogna scrivere cosa riguarda la ricerca in maniera dettagliata?

E' inteso come titolo di ricerca.

Prodotti di ricerca

Che tipo di risultato di ricerca deve essere inserito nel database?

Nel database devono essere caricati tutti i prodotti appartenenti alle categorie per settore scientifico disciplinare definite per ogni dipartimento.

Cosa si intende per: "Testo altre informazioni"?

Nel campo "Testo altre informazioni" devono essere inserite quelle informazioni che si ritengono utili e che non rientrano negli altri campi del form. Tra i dati dei Prodotti di Ricerca sono stati aggiunti due nuovi campi denominati 'Volume' e Numero Fascicolo'.

Dove è possibile reperire il valore dell’Impact Factor?

Se si sceglie come tipo di pubblicazione “articolo su rivista ISI”, al momento del salvataggio del prodotto di ricerca, è necessario provvedere all'aggiornamento automatico dell'Impact Factor e del Citation Number. Tale operazione può essere effettuata consultando i due link proposti dal programma nella pagina d'inserimento dei prodotti di ricerca.

Perché il form “Nuovo prodotto di ricerca” richiede necessariamente di scegliere il Tema di ricerca di riferimento? È possibile non indicarlo?

Quando si inserisce un nuovo prodotto di ricerca il sistema richiede sempre a quale unità operativa e a quale tema di ricerca esso fa riferimento, per evitare dimenticanze accidentali. Nei casi in cui il prodotto effettivamente non fa riferimento a nessuno dei temi di ricerca del Dipartimento, si consiglia inserire un tema di ricerca fittizio, a cui associare il prodotto in questione.

In fase di inserimento delle pubblicazioni a volte non compaiono tutti i temi di ricerca dell'unità operativa prescelta.

Verificare di avere associato gli autori (interni al Dipartimento) della pubblicazione alle corrispondenti unità operative. Per fare questo è necessario selezionare il link "Aggiorna/Aggiungi dettagli" dalla scheda di organico di ogni autore.

Nella scheda di organico di un docente la stessa pubblicazione compare due volte, benché sia stata inserita una volta sola dal responsabile di inserimento dati. In alcuni casi è persino scritta in modo diverso!

Nella scheda di organico di ogni docente compaiono tutte le pubblicazioni per le quali quel docente è stato scelto come autore interno al dipartimento oppure esterno al dipartimento, ma interno all'ateneo.
Nel caso di pubblicazioni scritte in collaborazione da due o più docenti appartenenti a dipartimenti diversi, può accadere quindi che la stessa pubblicazione compaia due o più volte nella scheda di organico di ognuno dei docenti, benché sia stata inserita una volta
sola dal responsabile di inserimento dati del Dipartimento a cui il docente appartiene.
Ai fini del calcolo degli indicatori e ai fini della redazione della bozza di annuario è necessario che ogni dipartimento inserisca fra i propri prodotti di ricerca tutte le pubblicazioni scritte in collaborazione
anche a costo di vedere duplicate le stesse nella scheda di organico dei propri docenti, in attesa di una modifica del software che verrà operata una volta ultimato l'inserimento del 2000.

Nella scheda di organico di un docente compaiono delle pubblicazioni che non sono state inserite dal responsabile di inserimento dati del Dipartimento. Tali pubblicazioni non compaiono infatti nell'elenco dei prodotti di ricerca.

Il motivo è lo stesso del quesito precedente.

Come eliminare un autore inserito per sbaglio in una pubblicazione?

opo aver selezionato il prodotto di ricerca, attraverso la funzione ' Salva e gestisci autori' si accede all'elenco degli autori già inseriti. Per eliminarne uno o più è necessario : - togliere la relativa selezione (o spunta ) dalla colonna Presenza - aggiornare l'ordine degli autori che rimangono associati alla pubblicazione. - ricalcolare ed aggiungere le percentuali agli autori in modo da ottenere come somma 1. - inserire 0 nello spazio relativo alla percentuale dell'autore/i da eliminare e premere aggiorna.

Anno di riferimento

In generale i dati che devono essere introdotti da quando e a quando devono risalire?

I dati che devono essere inseriti devono andare dal 01/01/2001 al 31/12/2001.

L'anno di riferimento (2001) è da intendersi come solare o accademico?

L'anno di riferimento è da intendersi come ANNO SOLARE per tutti i dati da inserire. Fanno eccezione solamente i dati relativi ai corsi di insegnamento del contesto didattica, per i quali il riferimento temporale corretto è l'anno accademico 2000/01 e i corsi di dottorato, per i quali suggeriamo di considerare il ciclo che insiste maggiormente, come intervallo temporale, sull'anno solare 2001

 

Mappa del sito | Credits: apnetwork.it